R-evolution 2021: GREEN CHALLENGE

R-evolution 2021: GREEN CHALLENGE

PORDENONE – Riparte R-evolution. il format di geopolitica promosso dal Teatro Verdi di Pordenone per offrire al pubblico percorsi di storia contemporanea: analisi e commenti focalizzati sulla più stretta attualità, racchiusi in un cartellone di incontri ideato e curato dall’Associazione Europa Cultura. Due le edizioni finora promosse: nella primavera 2019 sul tema “L’Europa e il resto del mondo”, nell’anno delle euro-elezioni più discusse e probabilmente più significative della storia dell’Unione Europea. E nel dicembre 2020 la seconda edizione di R-evolution, riorganizzata sul piano digitale dopo la drammatica irruzione del covid-19, un’analisi dedicata al “Pianeta virale”: la terra messa in scacco dalla pandemia, raccontata nelle settimane immediatamente successive al turnover presidenziale negli Stati Uniti.

L’interconnessione fra ambiente, clima e impegno per lo sviluppo sostenibile, proiettata nei futuri scenari del mondo, sarà al centro della terza edizione di R-evolution, in programma da venerdì 19 a domenica 21 novembre, in presenza al Teatro Verdi di Pordenone, sul progetto realizzato in sinergia con Crédit Agricole FriulAdria, con la collaborazione di Fondazione Pordenonelegge e di CGN. Le politiche mondiali avviate per il raggiungimento dei 17 Obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, la questione ambientale, i cambiamenti climatici, la lotta al degrado del suolo, la tutela della biodiversità e degli oceani non sono più questioni voluttuarie e accessorie: sono la cruna geopolitica dell’ago che reggerà le sorti del pianeta. Per questo l’edizione 2021 di R-evolution si focalizza sull’ineludibile “Green Challenge” della Terra, e si articolerà in dialoghi, confronti, interviste, ma anche in una serie di eventi scenici, per intrattenere piacevolmente e insieme favorire la riflessione comune sui temi del nostro tempo. «Ogni incontro si propone come una lezione di storia contemporanea – spiega il presidente del Teatro Verdi Giovanni Lessio – per avvicinare gli spettatori, coinvolgerli e proiettarli nell’attualità più “estrema”, quella dei nostri giorni. R-evolution 2021 si svolgerà all’indomani della COP26 di Glasgow: un vertice che le istituzioni hanno definito come “l’ultima e migliore possibilità che il mondo ha di evitare la crisi climatica”. In questa direzione di transizione ecologica ed energetica sono rivolte anche le linee guida del Pnrr italiano. R-evolution 2021 favorirà il confronto fra analisti di geopolitica ed esperti di questioni ambientali e sviluppo sostenibile, fra divulgatori scientifici e giornalisti impegnati sui temi dell’attualità. Tre giorni per capire meglio quello che ci sta succedendo, e come approcciare il tempo che verrà nel nostro quotidiano».

Fra i protagonisti di R-evolution 2021 spicca senz’altro l’economista inglese Raj Patel,  accademico all’Università di Austin e attivista ambientale, autore del saggio cult “I padroni del cibo”, pietra miliare per l’impegno sulla sostenibilità agroalimentare. Raj Patel, insieme al regista statunitense Zak Piper, è anche autore del film documentario “The ants & the grasshopper” (“La cicala e la formica”), che per la prima volta presenterà dal vivo in Italia, alla Cineteca di Bologna e in occasione dell’evento inaugurale di R.evolution, venerdì 19 novembre alle 16 al Teatro Verdi, proposto in collaborazione con Bologna Award 2021, CAAB e Fondazione FICO. Il film, girato fra il Malawi e gli Stati Uniti, ripercorre il viaggio della “semplice” cittadina Anita Chitaya che, per salvare la sua casa da condizioni meteorologiche estreme, affronta una grande sfida: persuadere gli americani che il cambiamento climatico è reale. Viaggiando dal Malawi alla California fino alla Casa Bianca, Anita incontrerà molti scettici sulla questione climatica e agricoltori disperati, persone e governanti ancora incapaci di riconoscere la logica di sistema che sta distruggendo la Terra. E nella giornata di sabato 20 novembre si profila centrale il dialogo “… e poi?” Dopo il covid, visioni di futuro”, legato agli scenari postpandemici e alle buone pratiche che ciascuno di noi, nel suo quotidiano, può attivare per avvicinare i traguardi 2030 dell’Agenda di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Proprio dal palcoscenico di R-evolution sarà infatti lanciata la “call to action” collegata alla 10^ edizione del Premio Vivere a Spreco Zero, categoria Cittadini, seconda tappa del progetto “… e poi? Visioni di futuro”, a cura di Ilaria Pertot e Andrea Segrè, promosso in sinergia con Fondazione Pordenonelegge e la campagna Spreco Zero per sensibilizzare i cittadini sui grandi temi che riguardano il futuro dell’umanità, cercando di cogliere nella crisi attuale un’opportunità di cambiamento degli stili di vita. L’agroeconomista Andrea Segrè, ordinario all’Università di Bologna, presidente CAAB e Fondazione FICO, insieme all’accademica ed esperta di agricoltura sostenibile Ilaria Pertot, per edizioni Ambiente hanno firmato la pubblicazione “… e poi? Scegliere il futuro”, che sarà punto di partenza del dialogo di R-evolution nel quale saranno impegnati anche il direttore artistico di pordenonelegge Gian Mario Villalta, autore della prefazione del libro, e l’economista, professore ordinario all’Università Ca’ Foscari di Venezia e Presidente di Crédit Agricole FriulAdria Chiara Mio, autrice del saggio “L’azienda sostenibile” (Laterza). L’incontro è in programma sabato 20 novembre, alle 18 nella Sala Grande del Teatro Verdi di Pordenone, dove, dalle 21, Andrea Segrè sarà anche protagonista dell’evento scenico “-Spr+Eco, obiettivo 2030”, in dialogo con Massimo Cirri, autore e conduttore di un programma cult della radio italiana, “Caterpillar” su Rai Radio2. Illustrata dalle vignette originali di Francesco Tullio Altan, la spettacolare conversazione permetterà a tutti di riflettere sulla responsabilità che ha ciascuno di prevenire gli sprechi e sulla possibilità di valorizzare le risorse, l’economia circolare, il riutilizzo dei beni e il cibo edibile invenduto, con ricadute significative dal punto di vista ambientale, sociale, economico e nutrizionale.

Il cartellone integrale di R-evolution 2021 sarà diffuso i prossimi giorni. L’ingresso a tutti gli eventi di R-evolution sarà aperto gratuitamente ai possessori di green pass.

PRESS: Vuesse&c ufficiostampa@volpesain.com

REGOLAMENTO STRAORDINARIO A FRONTE DELL’EMERGENZA DA COVID-19

L'accesso a Teatro è consentito agli spettatori in possesso di certificazione verde covid-19 rilasciata esclusivamente per vaccinazione o per guarigione (cosiddetto "super green pass" o "green pass rafforzato"). La verifica sarà svolta esclusivamente tramite la lettura del QR code tramite App "VerificaC19".

Si invita il cortese pubblico ad arrivare con congruo anticipo.

Grazie per la collaborazione