MAURIZIO POLLINI: CONCERTO ANNULLATO

MAURIZIO POLLINI: CONCERTO ANNULLATO

Gallery

Leggi il comunicato stampa

Maurizio Pollini pianoforte

Programma
Robert Schumann, Fantasia in do maggiore, op. 17
Ludwig van Beethoven, Sonata n.29 op. 106 “Hammerklavier”

Tra i grandi visionari dell’Ottocento, Schumann incarna la musica del Romanticismo: Maurizio Pollini ne rilegge una pagina emblematica. La Fantasia op. 17 è notevole per molte ragioni: l’abbagliante varietà delle sue trame, i temi stupendamente tagliati, la suggestione poetico letteraria, la raffinata ricerca timbrica, l’appassionata cantabilità, lo slancio fantastico ed espressivo. 
Un capolavoro di ampio respiro, con i caratteri di un vasto poema pianistico, dedicato dal compositore a Franz Liszt.
Da sempre impegnato nel percorrere le molte strade della letteratura pianistica e nell’esplorarne le molteplici prospettive, Pollini accosta a Schumann un altro precursore, Beethoven, in un programma che rilegge in modo più lucido il passato. 

Nella vastità discografica del catalogo Deutsche Grammophon le Sonate di Beethoven incise da Maurizio Pollini tracciano una sfolgorante parabola artistica parallela a un lungo percorso di vita. Simbolica la scelta della Sonata “Hammerklavier”, preludio a quei monumenti visionari consegnati alle generazioni future che sono le tre ultime Sonate. Partitura immensa, incarnazione dei fantasmi e degli incubi, ma anche dei sogni dell’ultimo Beethoven, la Hammerklavier è una sfida temibile dal punto di vista tecnico e interpretativo: e forse solo la sempre più profonda consapevolezza umana del Maestro può comprendere appieno la vertigine di quest’ultimo approdo beethoveniano. 

 

Vieni a teatro perchè…
Vertice assoluto nella storia del concertismo mondiale, Pollini dischiude le molteplici prospettive del grande repertorio classico.