LE VOCI DEL VIOLONCELLO – 2. CONCERTO
SCUOLE NAZIONALI:RUSSIA

LE VOCI DEL VIOLONCELLO – 2. CONCERTO<br>SCUOLE NAZIONALI:RUSSIA
Informazioni

Dimitri Maslennikov (violoncello)
Natacha Kudritskaia (pianoforte)

PROGRAMMA

VALENTIN SILVESTROV, Nostalghia per piano solo

DIMITRI SHOSTAKOVICH, Sonata per violoncello e pianoforte in re min. op. 40

  1. Allegro non troppo
  2. Allegro
  3. Largo
  4. Allegro

SERGEJ RACHMANINOV, Sonata per violoncello e pianoforte in sol min. op. 19

  1. Lento – Allegro moderato
  2. Allegro scherzando
  3. Andante
  4. Allegro mosso

SERGEJ RACHMANINOV, Vocalise

Introduzione di Sandro Cappelletto

Informazioni

La sua voce scura e luminosa, potente e sommessa, lieve come un sussurro, aspra come un urlo. Il suo ‘colore’ caldo e sensuale come nessun altro strumento possiede. Il suo corpo, le sue corde che si offrono all’abbraccio dell’interprete perché li faccia suoi e li restituisca alla musica, a noi.

Il ciclo “Le voci del violoncello” percorre un lungo sentiero in compagnia di uno strumento che ha alle spalle quattro secoli di vita e un repertorio formidabile, ma non ha smesso di catturare l’attenzione dei contemporanei creatori di musica.

Polonia, Russia, Francia, Germania sono le nazioni chiamate ad essere protagoniste con i propri compositori e i propri interpreti, prima di chiudere il ciclo di questi cinque appuntamenti con Cello songs, un’incursione nel territorio del jazz, del soul, del canto.

E la musica non è mai soltanto una tecnica, uno stile, una sintassi. È un’arte capace come nessuna di dire le nostre speranze e le nostre desolazioni nel divenire del tempo, del gusto e delle passioni.

Il viaggio comincia.

Sandro Cappelletto

DIMITRI MASLENNIKOV, violoncello

Nato a San Pietroburgo nel 1980, ha iniziato gli studi musicali in giovanissima età. A dodici anni ha vinto il Concorso Internazionale Giovani Solisti di Mosca e il Concorso Internazionale Ceco di Praga. All’età di quattordici anni, ha ricevuto una borsa di studio di tre anni da parte del governo francese per studiare al Conservatorio di Parigi e da allora vive in Francia.

Nel 2007 si è esibito con l’Orchestra Sinfonica Russa presso la Sala Grande del Conservatorio di Mosca diretto dal Mº Wilson Hermanto, con la Bamberger Symphoniker sotto la direzione del Mº Christoph Eschenbach, con l’Orchestra New European Chamber. Nel 2008 Dimitri Maslennikov ha eseguito in prima mondiale il Concerto per violoncello del compositore francese Marc-André Dalbavie con l’Ensemble International Contemporary, al Miller Theatre di New York. Ha partecipato a molti festival rinomati, tra cui lo Schleswig-Holstein Festival in Germania, il Festival di Colmar, in Francia, il Festival di Verbier in Svizzera, il Ravinia Festival di Chicago (USA), oltre a dare concerti alla Suntory Hall di Tokyo, con l’Orchestre de Paris in Francia, con l’Orchestra NDR di Amburgo, in Germania, con la Philadelphia Orchestra e la Chicago Symphony Orchestra negli USA. Si è inoltre esibito in concerti speciali per le Nazioni Unite a New York, così come per la regina Elisabetta II d’Inghilterra.

NATACHA KUDRITSKAYA, pianoforte

Nata in Ucraina, ha frequentato fino all’adolescenza la Scuola di musica di Lysenko: ancora giovanissima ha partecipato a tre importanti tournées negli USA con l’Orchestra Sinfonica di Kiev.

Si è perfezionata negli studi musicali con Irina Barinova e Igor Riabov all’Accademia nazionale Čajkovskij di Kiev e parallelamente al Conservatorio Nazionale Superiore di Musica e Danza di Parigi, dove ha ottenuto nel 2007 il diploma di specializzazione con il massimo dei voti e la menzione speciale della giuria. Dopo essersi distinta in alcuni concorsi internazionali, Natacha Kudritskaia ha iniziato una carriera pianistica come solista e in formazioni cameristiche: è regolarmente invitata nei principali festival e sale da concerto in tutta Europa (Parigi, Londra, Oxford, Gstaad, Helsinky, Bruxelles, Vienna ecc.). Torna spesso in tournée in Ucraina. Eclatante il suo esordio discografico con due cd dedicati a Rameau che l’hanno imposta all’attenzione internazionale della critica e del pubblico. Il suo più recente disco, Nocturnes, è uscito per l’etichetta “Deutsche Grammophon”.